Yoga: 7 Posizioni per Migliorare la Libido

Yoga: è Davvero Possibile Migliorare la Libido?

yoga-e-libido

Lo Yoga è sorprendente. Ti aiuta a trovare equilibrio nel tuo mondo, fisicamente, mentalmente ed emotivamente. Insegnandoti ad abbracciare ogni momento e vivere la vita un respiro alla volta, lo yoga ti permette di connetterti al meglio con te stesso e il tuo partner spiritualmente, fisicamente, e sì, anche sessualmente.

Lo Yoga tonifica il tuo corpo, riduce il tuo livello di stress, e aumenta la tua energia, ma sapevi già che lo yoga può anche contribuire ad infiammare la tua libido e la tua vita sessuale?

Uno studio risalente al 2009 ha mostrato che una “pratica regolare dello yoga migliora diversi aspetti della funzione sessuale nelle donne, tra cui il desiderio, l’eccitazione, l’orgasmo e la soddisfazione in generale”. E’ un gioco da ragazzi, lo yoga è un modo fantastico per migliorare la tua vita sessuale.

Leggi il resto di questo articolo »

Yoga: Come Aumentare il Piacere Sessuale

Yoga: Pochi Esercizi per Aumentare il Piacere Sessuale

yoga-aumentare-piacere-sessuale.jpg

Il Tantra Yoga è nato in India più di 5000 anni fa ed è una disciplina che sviluppa varie tecniche di guarigione per riequilibrare la mente, il corpo e la potenza sessuale.

Si compone di una serie di posture (asana), danza, meditazione e massaggi, tra i tanti suoi benefici troviamo: maggiore energia, l’espansione della coscienza, maggiore creatività, l’annullamento di sollecitazioni e sbalzi d’umore, la rivalutazione del corpo.

Lo Yoga è una delle migliori forme di esercizio, perché migliora la postura, il tono muscolare, riduce lo stress, controlla l’ansia, ma i benefici sono molti di più. Inoltre, il sesso è una parte importante della coppia. Quindi, cosa c’è di meglio di combinare lo Yoga con il sesso e godere di entrambi, migliorando il proprio corpo e la sessualità?

Leggi il resto di questo articolo »

Yoga: Esiste una Dieta?

Yoga: la Migliore Dieta

yoga-e-dieta Yoga: vuol dire innanzitutto essere cosciente in ogni aspetto della tua vita e il cibo è parte di tutto questo. La dieta gioca quindi un ruolo fondamentale per la tradizione. Ciò che sei dipende anche dal cibo che mangi. Ciò che mangi (e come lo fai) determina le sostanze nutritive nel tuo corpo, l’energia e la vitalità del tuo essere, la purezza del tuo corpo materiale e la purezza della tua mente e del tuo spirito.

Come lo yoga diventa il rapporto che hai con il corpo, comincia a vedere come il corpo è un veicolo che ti è stato dato per lo sviluppo olistico.

Il cibo diventa un rito in cui rendi grazie per il cibo che ricevi dalla natura così come è essenziale per il tuo benessere. Dovrebbe anche essere un atto pienamente cosciente, che inizia nella selezione dei cibi che fanno bene a te stesso e all’ambiente, che prevede una preparazione sana e amorevole, e mangiare bene è sempre un momento speciale. E’ l’opportunità di dimostrare devozione per le meraviglie della vita, perché è quello che offri al tuo corpo è un rinnovamento pienamente operativo.

Leggi il resto di questo articolo »

Yoga: Benefici per la Salute

Yoga: Benefici per la Salute

Yoga-Benefici-per-la-Salute

Lo yoga è senza dubbio una delle migliori discipline per la nostra salute. E’ molto più di un semplice esercizio fisico, poichè coinvolge anche il nostro stato mentale e spirituale. Sembra essere molto di moda negli ultimi anni, ad esempio, molte celebrità che lo praticano per restare belli e giovani. E’ una disciplina praticata fin dai tempi antichi in India, addirittura circa 5 milioni di anni fa.

Perché lo yoga ha avuto così tanto successo e per così tanto tempo? Ecco le ragioni: vediamo i 10 benefici dello yoga. Scommetto che dopo aver letto questo articolo vorrai iniziare a praticarlo.

Leggi il resto di questo articolo »

Lo Yoga per Curare la Prostatite

Che cos’è lo Yoga?

yoga praticaYoga è una pratica fisica, mentale o “spirituale” di origine indiana. In sanscrito la parola yoga significa letteralmente “unione”.

Lo yoga come lo conosciamo in occidente è principalmente l’Hata Yoga ed è una forma di yoga più fisico/energetico che mentale rispetto alle altre forme di yoga conosciute.

Lo yoga può essere anche un trattamento alternativo che può aiutare gli uomini con prostatite cronica o dolore pelvico cronico. Lo yoga aiuta a rilasciare lo stress, incrementa il flusso sanguigno e ci può aiutare a rafforzarci e ad essere più flessibili. Lo yoga comporta uno stiramento dei muscoli in modo graduale, attraverso posizioni del corpo specifiche e mantenendo la concentrazione sul respiro o su determinati centri energetici (chakra). Oltre ad una potente pratica fisica ed energetica l’hata yoga è anche una forma di trattamento olistico da applicare sul proprio corpo e per mantenere una perfetta salute mentale.

La pratica dello yoga risale a oltre 5000 anni ed è ancora molto popolare, anche in occidente. E’ stato dimostrato essere efficace per la cura della depressione, ansia e dolori pelvici cronici che possono essere tutti correlati alla prostatite. Infatti sia l’ansia che lo stress contribuiscono a creare tensioni sul pavimento pelvico che è la causa del dolore pelvico cronico per circa la metà degli uomini con prostatite cronica.

Avere a che fare con una condizione fisica di dolore cronico è difficile da curare permanentemente come una prostatite cronica e può causare stress e depressione. Imparare tecniche yogiche come la meditazione o anche il tai chi è sicuramente di supporto a qualsiasi altra cura o trattamento per questo tipo di problemi. Capire inoltre la componente mentale della malattia può giovarne sicuramente a favore della salute della prostata e di tutto l’organismo.

yoga-prostatite

Come fare yoga per curare una prostatite o un dolore pelvico cronico

Ci sono sicuramente posizioni (asana) che sono particolarmente utili per curare una prostatite. Paschimottanasana (la pinza), ma anche badrasana (il trono) sono posture che lavorano sui muscoli del pavimento pelvico e incrementano l’afflusso di sangue all’area prostatica. Shirshanana o qualsiasi posizione inversa è anche molto efficace e raccomandata poiché rilasciano la tensione del peso degli organi interni che dominano sulla prostata consentendole di “respirare” e avere spazio per decongestionarsi.

Se non è possibile praticare posizioni inverse o se non è possibile apprenderle ad un corso apposito, è possibile ottenere giovamento anche tramite una panca ad inversione, ottenendo risultati simili alla postura della candela o shirshasana.

Puoi praticare yoga ogni giorno. E’ importante imparare a praticarlo correttamente per non farsi male quindi consiglio caldamente di rivolgersi ad un istruttore qualificato. Ci sono ormai molte scuole valide con diversi stili di yoga, ma se vivi in una città medio grande hai buone probabilità di trovare un corso che si adatta a ciò che cerchi, che può essere di miglioramento fisico, mentale o energetico spirituale.

Sarebbe bene parlare con un medico competente prima di praticare qualsiasi esercizio yoga. Anche se potrebbe non bastare la pratica yoga da sola per la cura della prostata, può aiutare enormemente a rinforzare i muscoli del pavimento pelvico e a rilasciare stress e tensioni accumulate negli anni che è una delle componenti principali dei dolori pelvici.

Come parte di un approccio multilaterale quindi puoi considerare l’hata yoga a supporto di altre cure, come parte importante della cura. Un approccio olistico alla malattia è presentato splendidamente nel sito Prostata In Forma che puoi trovare qui: www.prostatainforma.com

Prostata In Forma è un corso che da un approccio olistico alla malattia, partendo dalle cause che l’hanno provocata, correggendo molte abitudini alimentari e praticando alcune posture yoga molto efficaci.

Il corso in questione prevede l’uso di integratori naturali a supporto della guarigione, ma gli aspetti principali del corso sono:

  • Alimentazione
  • Riabilitazione Intestinale
  • Yoga

Prostata In Forma è principalmente dedicato alle persone con prostatite cronica o acuta, ma è risultato efficace anche per chi ha dolore pelvico cronico e ipertrofia prostatica.

Se soffri dunque di prostatite un approccio olistico è l’unico in grado di andare a fondo al problema, cambiando non solo il problema in sé relativo alla prostata, ma dando un nuovo punto di vista su molti problemi di salute, collegati alla sfera sessuale, ma non solo.

 

Lo Yoga e lo Sport

Sri Chinmoy ha sempre incoraggiato la pratica dello sport. Lo sport mantiene il corpo in buona salute, ci regala entusiasmo e gioia inncente e spontanea. Rafforza ed alimenta la nostra capacità di meditare bene ed a sua volta favorisce fortemente l’equilibrio giusto tra vita spirituale e vita positiva ed energetica nel mondo materiale.

La corsa (delle brevi, medie e lunghe distanze) in special modo, oltre ad essere molto pratica e naturale, ci dà la possibilità di essere a contatto diretto con lo spazio aperto, con il cielo, con il Sole… la corsa è puro dinamismo e ci infonde l’aspirazione di andare sempre avanti, saltellando di gioia…

Sri Chinmoy apprezza comunque ogni attività fisica ed egli stesso ha praticato durante tutta la sua vita oltre alla corsa, la bicicletta, il tennis, il sollevamento pesi, essendo ogni tipo di allenamento fisico un importantissimo complemento alla pratica dello Yoga, ed un aiuto prezioso nella vita di chiunque.

sport e yoga

 

Domanda: Come, l’esercizio fisico e le gare sportive, aiutano la vita spirituale?

Sri Chinmoy: Io personalmente uso il termine “auto-trascendenza”. Non competo contro altri, ma con me stesso. È come un seme che germina e diviene una pianta, poi un albero ed infine un enorme banyan [albero asiatico molto grande]. Cerco sempre di trascendere me stesso. Nel campo del sollevamento pesi, iniziai con 40 pounds [kg 18,2] con un braccio, e quindi andai oltre ed oltre.

Ci sono molti atleti che ottengono ispirazione ed entusiasmo solo quando competono con gli altri. Io non li biasimo: se uno è in una posizione di competere con qualcun altro, ciò significa che è ispirato, è pieno d’entusiasmo. Se sta gareggiando contro un altro, potrà utilizzare le sue più grandi capacità; se non lo facesse, potrebbe diventare pigro; forse non si allenerebbe tutti i giorni; la sua disciplina fisica nella vita probabilmente nasce solo quando sa di dover gareggiare contro qualcun altro; se così non fosse, forse non prenderebbe seriamente l’esercizio fisico.

Ma con la Grazia di Dio, io pratico tutti i giorni ai fini del benessere fisico, ed allo stesso tempo per cercare di migliorare me stesso, di migliorare le mie capacità.

Religione e Yoga

religione e yoga

Domanda:
Pensi che tutte le religioni conducano alla stessa verità, anche se per strade differenti?

Sri Chinmoy:
Si, assolutamente. Sono pienamente d’accordo sull’idea che tutte le religioni conducano ad un sola verità, la verità Assoluta. C’è una sola verità. C’è una sola meta ma diverse strade. Ogni religione è corretta, a modo suo. Ma se una religione afferma di essere la sola, o di gran lunga la migliore, in quel momento trovo difficile essere d’accordo. Se una religione afferma: “La mia religione è vera e la tua è altrettanto vera,” sono d’accordo con tutto il cuore. Ma se io dicessi che il mio Induismo è di gran lunga il migliore e la tua Chiesa Cristiana non vale molto, sarei il più grande stupido della Terra. Se io dicessi: “Accettando la mia religione ti porterò più velocemente alla Meta,” e se cerco di convertirti alla mia religione, farei uno sbaglio enorme. Non è così: Ogni religione è giusta. Una religione è una casa. Io devo vivere nella mia casa, tu nella tua; io non posso restare in strada e neanche tu.
[…]
Ora, per tornare alla tua domanda, vorrei dire che ogni religione porta il messaggio della più alta verità. Nessun uomo è perfetto ed allo stesso modo nessuna religione è la perfetta perfezione. Allo stesso tempo, nessuna religione dev’essere condannata, lungi da ciò. Nessuno è perfetto, nulla è perfetto qui sulla Terra. Quindi anche nel caso di una religione, come possiamo affermare: “La religione deve essere perfetta!” ? Siamo noi perfetti? C’è alcuna persona perfetta? Nessuno è la perfetta perfezione assoluta. Così, quando io non sono perfetto, come posso pretendere la perfezione da te o da chiunque altro? Ma io e te sappiamo che c’è Qualcuno che è assolutamente perfetto, e quello è Dio.
[…]

Da: Sri Chinmoy, Earth’s Cry Meets Heaven’s Smile, Part 2, Agni Press, 1974.

http://www.srichinmoylibrary.com/books/0138/2/69/

Applicazioni dello Yoga

Gli scienziati considerano l’uomo come unità psicosomatica e somatopsichica inscindibile.applicazioni yoga

Lo Yoga concepisce il corpo come un insieme di differenti dimensioni di esistenza: fisiologica, energetica, mentale, psichica, e spirituale.

La salute è il risultato di un equilibrio dinamico tra questi diversi aspetti.

Le malattie possono emergere in una di queste dimensioni o aspetti e poi trasferirsi in altri. Le condizioni di disagio sono messaggi per far capire che qualcosa non è corretto nel nostro modo di vivere, che è presente qualche disarmonia nel nostro essere.

Praticando Yoga portiamo tutto il nostro essere in unione-armonia con se stesso, quindi acquisiamo una buona salute.

 

Lo Yoga in Gravidanza

Iniziare solamente al 7° mese di gravidanza la preparazione psicofisica al parto è poco utile ai fini di un buon decorso della gravidanza stessa e per affrontare il parto senza difficoltà. L’ideale è seguire un programma che inizi fin dai primi mesi e che venga portato avanti con graduali e progressive modificazioni fino al termine della gravidanza.

Praticando Yoga le gestanti imparano le pratiche utili a mantenere il corpo agile e flessibile senza eccessiva fatica, a tonificare la muscolatura addominale e perineale e a rinforzare la colonna vertebrale.

Apprendono come rilassarsi eliminando paure e ansie e come usare la corretta respirazione per favorire uno stato di calma e di benessere anche durante le fasi del travaglio e del parto.

Lo Yoga aiuta ogni donna ad entrare in uno stato di comunione con se stessa e con il suo bambino e a vivere l’esperienza della maternità come un’esperienza unica e totale di evoluzione spirituale.

 

Lo Yoga e lo Studio

Le pratiche di Yoga possono essere considerate uno strumento importante per favorire una migliore gestione e organizzazione delle risorse fisiche e intellettive degli studenti e dell’attività di studio e per prepararli ad affrontare meglio interrogazioni ed esami scolastici.

Alcune semplici tecniche di Yoga sono in grado di migliorare le  percezioni sensoriali, l’ attenzione uditiva e visiva, la memoria, la concentrazione, l’immaginazione creativa, la capacità di associazione di idee, di “re-call” e di visualizzazione; possono equilibrare le emozioni, favorire l’armonizzazione dei due emisferi cerebrali, rivitalizzare l’energia mentale esaurita dallo studio e liberare tensioni, ansia ed emotività responsabili dei black-out mentali che sovente  si verificano durante le interrogazioni scritte ed orali.

 

Lo Yoga e le dipendenze

Praticare yoga aiuta a vincere la maggior parte delle dipendenze. Sia che si tratti di dipendenze emotive che da sostanze o alcol, la pratica costante dello yoga aiuta a risolvere i meccanismi psicologici ed emotivi che legano la persona alla causa della dipendenza. La semplice pratica delle asana (posture) meglio ancora se supportata da pratiche meditative porta il praticante ad uno stato di benessere, dove non esistono più resistenze e attaccamenti.

In questo spazio “nuovo” di presenza interiore e pura coscienza le “entità” che causano la dipendenza non hanno modo di esistere, sono come soffocate dall’ardore del praticante e si allontanano lasciando un profondo senso di libertà interiore.

Tante altre infine sono le applicazioni dello yoga. Principalmente concepito come strumento di evoluzione spirituale, lo yoga è conseguentemente di aiuto anche per il ripristino e la manifestazione di qualità fisiche e paranormali. Limitare a queste ultime il percorso evolutivo è comunque limitante, pertanto lo Yoga dovrebbe essere il trampolino di lancio verso la Realizzazione del Sé.

 

 

Il Simbolo dell’OM

La prima e più importante mantra monosillaba, il seme della vibrazione da cui tutto si origina.simbolo OM

Generalmente è considerata essere il simbolo del suono dell’Uno.

Il concetto del suono (la combinazione di ciò che son chiamate le tre  matras), A, and  M (in Sanscrito O è una lettera composta dalla combinazione della A e della U).

A, rappresenta la  tendenza della rivoluzione (rajas) la  forma condensata dell’ universo

U,  rappresenta la tendenza verso la concentrazione (tattva), dell’ intelletto cosmico

M,  rappresenta la tendenza verso la disintegrazione (tamas), il substrato causale

Questa sillaba è perciò formata da otto sotto elementi di suono:

  • A è la prima,
  • U la seconda,
  • M la terza.
  • La  nasale (bindu) è la quarta;
  • il suo suono (nada) è la quinta;
  • la sua durata (kala) è la sesta;
  • la vibrazione nel tempo (kalatita) è la settima.
  • la sua risonanza senza tempo (varanasi) è l’ottava.